FORUM

Le Chicche di Peppe
Amici a 4 Zampe
Civita castellana
La Storia
Cosa Visitare
Cucina Tipica
ALBUM FOTOGRAFICO
Civita Castellana
Le mura di Faleri
Carnevale
Infiorata
Eventi a Civita Castellana
Foto Palio '04
Foto Ivan Rossi
Foto Treja Cup '05

Siamo anche su

 
LE NOSTRE OFFERTE
Abiti da cerimonia
Cantina Tipica Canepina
CATERING ROMA
InterSail Computer
Location Matrimoni Roma
Piagge in fiore
Tappezzeria Lerin
Toner Rigenerati
ANALISI CLINICHE CIVITA CASTELLANA
Arredo Bagno
TAXI
  Topic AttiviTopic Attivi  Visualizza lista dei Membri del ForumLista Membri  CalendarioCalendario  Ricerca nel ForumCerca  AiutoAiuto
  RegistratiRegistrati  LoginLogin
Le chicche di Peppe
 POLITICA : Forums : Le chicche di Peppe
Icona di Messaggio Topic: CLAMOROSO LA ZANGANELLA PIENA DI LUCIGNOLE Rispondi al Topic Posta un nuovo Topic
<< Precedente Pagina  di 6 Successiva >>
Autore Messaggio
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 14 May 2012 alle 9:02am
Ex Zanganella: piu' passano i giorni dall'avvenuto trasferimento della Cittadella della Salute a Civita Castellana e piu' aumentano le polemiche, relative, soprattutto, ad aspetti di natura tecnica della struttura che comportano innumerevoli disagi per operatori sanitari e pazienti.

Per avere un'idea della totale inadeguatezza dei servizi erogati, a fronte di un complesso nuovo di zecca, e' sufficiente stilare un breve riassunto degli "intoppi" che si sono verificati, in rapida successione, negli ultimi giorni.

A partire dal funzionamento "originale" delle tre porte d'ingresso.

Durante la mattinata si apre una sola, con le persone che, inevitabilmente, vi si accalcano davanti.

Con il passare delle ore poi, anche le altre due decidono di fare il loro lavoro, anche se non si capisce bene in base a quale criterio: orario? Bacino d'utenza? Non e' dato saperlo.

Altra stranezza: le uscite d'emergenza. Invece di funzionare, come sarebbe normale, con il maniglione antipanico, si attivano con l'energia elettrica.

Risultato: in caso d'allarme, e quindi di distacco della corrente, le porte, ovviamente, rimangono chiuse.

Un rapido accenno tocca ora alle condizioni del reparto di ostetricia e ginecologia.

Qualche giorno fa si effettuava lo screening per il carcinoma al collo dell'utero.

Le pazienti, che avevano ricevuto l'invito per fare il pap test, hanno dovuto attendere il proprio turno di visita in piedi, poiche' i locali, per il momento, sono privi di sedie.

La stessa cosa per le vaccinazioni obbligatorie.

Neo mamme con bambini piccoli costrette, ugualmente, a rimanere in piedi, magari per ore, prima di poter somministrare il vaccino ai neonati.

Condizioni, insomma, al limite della decenza, sulle quali e' obbligatorio condurre piu' di una riflessione.

Innanzitutto non e' comprensibile come, una struttura nuova di zecca possa manifestare queste gravi carenze, sia di ordine organizzativo che pratico.

In secondo luogo, se i locali non sono perfettamente a norma, possono ospitare reparti sanitari con grave pregiudizio del diritto alla salute del cittadino?

Terza ed ultima riflessione: il responsabile del distretto VT5, dott. Canonici, e' a conoscenza degli innumerevoli disagi riscontrati dai cittadini oppure e' completamente scollato dalla realta' ?

Una cosa e' certa: tra i piu' danneggiati da questa situazione precaria ci sono i malati: si rende dunque necessario un intervento deciso per arginare una situazione ormai divenuta insostenibile.

Simona Tenentini

Modificato da GAZZETTA NEWS - 14 May 2012 alle 9:02am
IP IP tracciato
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 26 May 2012 alle 8:33am
DA L'OPINIONE 25/05/2012
Cittadella nuova, problemi vecchi.
Nel complesso edilizio Ex-Zanganella di Civita Castellana, all'interno del quale da circa un mese sono stati trasferiti tutti gli uffici della Asl Vt5, malgrado le numerose segnalazioni di disagi ed irregolarita', ancora niente e' cambiato.
Circa due settimane fa, da queste colonne, e' stato pubblicato un servizio sulle varie inefficienze riscontrate, del quale riportiamo alcuni stralci: "piu' passano i giorni dall'avvenuto trasferimento e piu' aumentano le polemiche, relative, soprattutto, ad aspetti di natura tecnica della struttura che comportano innumerevoli disagi per operatori sanitari e pazienti.
Per avere un'idea della totale inadeguatezza dei servizi erogati, a fronte di un complesso nuovo di zecca, e' sufficiente stilare un breve riassunto degli "intoppi" che si sono verificati, in rapida successione, negli ultimi giorni....Altra stranezza: le uscite d'emergenza. Invece di funzionare, come sarebbe normale, con il maniglione antipanico, si attivano con l'energia elettrica.
Risultato: in caso d'allarme, e quindi di distacco della corrente, le porte, ovviamente, rimangono chiuse.
Un rapido accenno tocca ora alle condizioni del reparto di ostetricia e ginecologia.
Qualche giorno fa si effettuava lo screening per il carcinoma al collo dell'utero.
Le pazienti, che avevano ricevuto l'invito per fare il pap test, hanno dovuto attendere il proprio turno di visita in piedi, poiche' i locali, per il momento, sono privi di sedie. La stessa cosa per le vaccinazioni obbligatorie.
Neo mamme con bambini piccoli costrette, ugualmente, a rimanere in piedi, magari per ore, prima di poter somministrare il vaccino ai neonati.
Condizioni, insomma, al limite della decenza, sulle quali e' obbligatorio condurre piu' di una riflessione.
Innanzitutto non e' comprensibile come, una struttura nuova di zecca possa manifestare queste gravi carenze, sia di ordine organizzativo che pratico.
In secondo luogo, se i locali non sono perfettamente a norma, possono ospitare reparti sanitari con grave pregiudizio del diritto alla salute del cittadino?"
Agli iniziali disagi registrati, nel corso del tempo, se ne sono poi aggiunti anche degli altri.
Infissi nuovi che gia' cadono a pezzi, bocchette di areazione staccate e successivamente appoggiate alle pareti in maniera casuale, lavandini con rubinetti non a norma, bagni senza chiave.
Insomma, un generale senso di abbandono che si va a sommare ad inottemperanze di natura normativa che contribuiscono a creare un quadro generale inaccettabile.
Basti pensare che alcuni apparecchi sanitari, prima della loro installazione non sono stati nemmeno collaudati, come prescritto dalla legislazione vigente e, a seguito di questa grave circostanza, sono dovuti intervenire persino i carabinieri.
In definitiva, se dalle parti dell'Andosilla si piange, nella "nuova" Cittadella della Salute non si ride di certo.
Ed allora, perche' il sindaco Angelelli non scrive al direttore generale Pipino anche in questo caso?
In fondo, sempre di tutela di diritti sanitari si parla.

Simona Tenentini
IP IP tracciato
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 02 Jun 2012 alle 10:10am
"Ex Zanganella" a Civita Castellana, La Destra chiede lumi sulle concessioni edilizie in sanatoria

"I sottoscritti consiglieri comunali di Civita Castellana, Carlo Angeletti e Roberta Rossetti fanno presente che: con nota del 26.04.2012 avente prot. 9214, l'assessore all'Urbanistica arch. Cerri, ci ha comunicato ufficialmente e chiaramente che "la zona dove e' ubicato il complesso "ex Zanganella" e' sottoposta a vincolo paesaggistico".

Ci risulta che lei (il responsabile dell'area tecnica Ing. Giovanni TE'¨, ndr), come piu' volte asserito dallo stesso assessore e dal sindaco, ha rilasciato in data 24.06.2010, in forza di questo parere legale, le seguenti concessioni edilizie in sanatoria per il cambio di destinazione d'uso da artigianale a commerciale di un complesso edilizio sito in via Petrarca e denominato "ex Zanganella": concessione edilizia in sanatoria prot. 101; concessione edilizia in sanatoria prot. 102; concessione edilizia in sanatoria prot. 103; concessione edilizia in sanatoria prot. 104; concessione edilizia in sanatoria prot. 105.

Siccome da una lettura del parere legale dell'avv. Asciano non risultano citati tali vincoli paesaggistici, considerato che la normativa della Regione Lazio vieterebbe il rilascio di quel tipo di concessione nelle zone vincolate paesisticamente chiediamo qualora quanto abbiamo illustrato sopra corrisponda al vero, se ritiene che sia stato legittimo rilasciare concessioni in oggetto e se qualora quelle concessioni fossero realmente illegittime, quali iniziative intende prendere in merito. Si prega di rispondere per iscritto".

Carlo Angeletti
Roberta Rossetti

Modificato da GAZZETTA NEWS - 02 Jun 2012 alle 10:11am
IP IP tracciato
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 14 Jun 2012 alle 8:32am
CIVITA CASTELLANA, CONCESSIONI EDILIZIE: LA DESTRA SI RIVOLGE ALL'ASSESSORE CERRI

I sottoscritti Consiglieri Comunali di Civita Castellana, Carlo Angeletti e Roberta Rossetti fanno presente che: con nota del 26.04.2012 avente prot. 9214, lei ci ha comunicato ufficialmente e chiaramente che "la zona dove e' ubicato il complesso "ex Zanganella" e' sottoposta a vincolo paesaggistico.
Ci risulta, come da lei e dallo stesso Sindaco piu' volte asserito, che tali concessioni in sanatoria per il cambio di destinazione d'uso da artigianale a commerciale di un compleso edilizio sito in via Petrarca denominato "ex Zanganella", sono state rilasciate in forza di un parere legale redatto dall'avvocato Asciano. Da una lettura di questo parere legale non risultano citati tali vincoli paesaggistici.
La normativa della Regione Lazio potrebbe vietare il rilascio di quel tipo di concessione nelle zone vincolate paesisticamente .In considerazione del ruolo che ricopre all'interno dell'amministrazione comunale, considerate le possibili ricadute che l'avvenuto rilascio di tali atti potrebbero comportare in futuro:

CHIEDIAMO

quali iniziative ha messo in atto per appurare se il rilascio di tali concessioni edilizie in sanatoria
sia stato legittimo.
quali iniziative intende adottare in caso di illegittimita' delle stesse.
Si prega di rispondere per iscritto
Civita Castellana 08.06.2012 I consiglieri comunali
Carlo Angeletti
Roberta Rossetti                 

Modificato da GAZZETTA NEWS - 14 Jun 2012 alle 8:34am
IP IP tracciato
finiano
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 14 Jun 2010
Status: Offline
Posts: 215
Quota finiano Rispondibullet Postato: 15 Jun 2012 alle 1:38pm
VEDO CON PIACERE CHE I DUE CONSIGLIERI DELLA DESTRA NON DEMORDONO SULL'IRREGOLARITA' DELL'AFFAIRE ZANGANELLA.
UNA COSA C'E' DA DIRE CHE L'EX CANDIDATO A SINDACO DI CIVITA CASTELLANA CARLO ANGELETTI POTEVA ESSERE UN BUON SINDACO PER LA NOSTRA CITTA' IN QUANTO IN QUESTI ANNI STA DIMOSTRANDO INSIEME ALLA SUA COLLEGA SIGNORA ROSSETTI GRANDE ONESTA' E AFFIDABILITA'.
CHE FINE HA FATTO TUTTA L'OPPOSIZIONE CIVITONICA AL DI FUORI DELLA DESTRA?
CREDO CHE DORMA TRANQUILLA SENZA FREGARSENE PIU' DI TANTO DEL BENE DELLA NOSTRA CITTA'
SCOMPARSO L'ARCHITETTO , SCOMPARSO IL MARESCIALLO ' SCOMPARSI I DOTTORI , SCOMPARSO IL GIOVANE INDUSTRIALE .
CREDO CHE CHI FACCIA POLITICA DEVE RENDERNE CONTO POI A CHI A CHIESTO IL PROPRIO VOTO E SOPRATTUTTO ALLA CITTADINANZA CHE A CREDUTO IN LORO
IP IP tracciato
iceman
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 29 May 2009
Status: Offline
Posts: 360
Quota iceman Rispondibullet Postato: 22 Jun 2012 alle 3:41pm
Finiano sono pienamente daccordo con te, ma una domanda mi sorge spontanea, ma chi è l'opposizione a Civita? Il marescialletto ha cercato popolarità in FLI ed è sparito, il PDL è sparito perchè non sanno a chi rivolgersi, il dottore è presente ma da solo non può far altro che numero, solo la destra riesce a muovere la melma nel comune, ma il comune non risponde e tanto meno si guarda di dare spiegazioni alle interrogazioni....anche Civita ha bisogno di un cambio generazionale , ma un cambio vero e non come quello dell'attuale amministrazione, dove i padri mandano avanti i figli per non metterci la faccia.
Pasquino
IP IP tracciato
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 30 Jun 2012 alle 8:22am
Zona "Fontana Matuccia", La Destra presenta esposto al Prefetto
La Destra Civita Castellana su "Fontana Matuccia" non ci vede chiaro e vuole lumi. Riceviamo da Carlo Angeletti e Roberta Rossetti il testo dell'esposto presentato al Prefetto di Viterbo Scolamiero e pubblichiamo.

- Sua Eccellenza Prefetto di Viterbo: Dr.ssa Antonella Scolamiero
Piazza del Plebiscito, 8 - 01100 Viterbo

e p.c.    Al Segretario Comunale di Civita Castellana
Dr.ssa Sara Salimbene SEDE
Al Comando di Polizia Locale di Civita Castellana SEDE

Oggetto : Richiesta informazioni al responsabile dell'area tecnica III arch. Mauro Masci del
Comune di Civita Castellana

Pregiatissima Dr.ssa Antonella Scolamiero Prefetto di Viterbo,
i sottoscritti Consiglieri Comunali di Civita Catellana, Carlo Angeletti e Roberta Rossetti hanno presentato una richiesta al responsabile dell'area tecnica III arch. Mauro Masci del Comune di Civita Castellana (prot. 24418 del 16.12.2011) in cui chiedevano testualmente: "di sapere le date e chi ha partecipato, in rappresentanza del Comune e della Regione, ai sei incontri avvenuti a Roma con la Regione, per pianificare la redazione del Piano Particolareggiato "Zona E/1 "Fontana Matuccia" , di cui lei ha dato notizia nel Consiglio Comunale del 24.11.2011"

A questo proposito nella comunicazione che ella ci ha fatto pervenire (prot. uscita del 14.06.2012, numero 0020886), ci informa testualmente che il Sindaco le ha comunicato che: "si e' trattato di riunioni di lavoro che il responsabile dell'Ufficio tecnico comunale ha tenuto con funzionari regionali e che di tali incontri non esistono verbalizzazioni".

Tale esternazione dell'arch. Masci e' stata riferita all'incirca al minuto 50 della registrazione della seduta comunale del 24.11.2011, visibile nel sito del comune di Civita Castellana, che spiega come si e' giunti all'elaborarazione del Piano di Fontana Matuccia e che si riporta testualmente: "abbiamo fatto una serie di passaggi con la stessa Regione Lazio Dipartimento Urbanistica proprio per avere ulteriori chiarimenti e dettagli proprio nell'applicazione di questo. Abbiamo gia' fatto sei incontri che hanno portato all'elaborazione di questo piano."
Noi nella nostra richiesta non chiedavamo i verbali degli incontri, chiedevamo piu' semplicemente le date a cui si riferiscono questi sei incontri e chi vi ha partecipato in rappresentanza del Comune e della Regione". Sono passati quasi sette mesi, ma ancora l'arch. Masci non ha risposto.

Quanto richiesto non e' di poco conto, poiche' questi incontri sono stati funzionali all'elaborazione, a quanto afferma l'arch. Masci, da parte del comune e della Regione del Piano di Fontana Matuccia.
Siccome noi riteniamo che questo piano cosi' come e' stato redatto potrebbe non essere conforme alle vigenti normative urbanistiche (abbiamo presentato ben 19 opposizioni dopo che e' stato pubblicato) e percio' vogliamo sapere chi sono i rappresentanti del Comune e della Regione che hanno partecipato a questi sei incontri presso la Regione Lazio e che a detta dell'arch. Masci " hanno portato all'elaborazione del piano".

Di questo piano urbanistico peraltro, dopo la presentazione delle opposizioni gia' richiamate non si hanno piu' notizie, ha misteriosamente interrotto fino ad oggi il suo iter, che al momento della presentazione in Consiglio Comunale, sembrava molto urgente.
Intanto pero', in un complesso edilizio condonato a commerciale (denominato ex Zanganella), che si trova nella zona di Fontana Matuccia, si sono insediati gli uffici e i laboratori della AUSL, a nostro avviso con una forzatura, in quanto questi locali non hanno una destinazione d'uso direzionale, ma commerciale.

Guarda caso questa forzatura e' avvenuta, dopo che abbiamo bloccato il Piano Urbanistico di Fontana Matuccia con le nostre opposizioni, facendo sfumare, fino ad oggi, la trasformazione del 30 % di quel complesso edilizio in direzionale (guarda caso proprio la superficie occupata dagli uffici e dagli ambulatori della AUSL).

Con la presente la invitiamo ad ingiungere all'arch. Masci e al Sindaco di Civita Castellana di ottemperare alle richieste avanzate dai sottoscritti e precisamente: "di sapere le date e chi ha partecipato, in rappresentanza del Comune e della Regione, ai sei incontri avvenuti a Roma con la Regione, per pianificare la redazione del Piano Particolareggiato " Zona E/1 "Fontana Matuccia" , di cui e' stata data notizia nel Consiglio Comunale del 24.11.2011"

Modificato da GAZZETTA NEWS - 30 Jun 2012 alle 8:25am
IP IP tracciato
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 30 Jun 2012 alle 7:55pm
CIVITA CASTELLANA, I CONSIGLIERI ANGELETTI E ROSSETTI RISPONDONO ALL'ING. TE'

Oggetto: concessioni edilizie in sanatoria prot. 101, 102, 103, 104, 105 del 24.06.2010. Egregio ing. Te', premesso che i sottoscritti consiglieri comunali di Civita Castellana, Carlo Angeletti e Roberta Rossetti, negli atti che concernono il loro mandato hanno sempre messo e metteranno sempre al primo posto gli interessi dell'amminstrazione e della comunita' di Civita Castellana, con la presente prendiamo atto della sua risposta in merito alla legittimita' delle concesioni edilizie in sanatoria n. 101, 102, 103, 104, 105 del 24.06.2010 (prot. n. 12682 del 12.06.2012), nonostante che l'immobile condonato insista su un'area sottoposta a vincolo paesaggistico. Tuttavia, sempre per il bene dell'amministrazione e della comunita' civitonica la invitiamo a verificare se corrispondono al vero le seguenti osservazioni:

- La zona dove e' ubicato il complesso edilizio "ex Zanganella" e' interessata dal vincolo ricadente nella fascia di rispetto delle coste marine, lacuali e dei corsi d'acqua.
L'art. 3 comma 1 lett. b) della L.R. n. 12/2004 prescrive che nelle aree protette nazionali regionali e provinciali non puo' essere sanata alcuna opera.

Tale vincolo e' stato apposto a seguito della D.G.R. n. 211 del 22.02.2002 e trasferito nel nuovo PTPR (Piano Territoriale Paesaggistico Regionale) sulla base del quadro conoscitivo adottato con atti n. 556 del 25.07.2007 e n. 1025 del 21.12.2007.

- Nella perizia stragiudiziale del 26.01.2010, a firma dell'ing. Maurizio Carvetti, allegata alla pratica di condono edilizio, lo stesso specifica che ha effettuato il sopralluogo in data 12.11.2009 ed inoltre asserisce che: "il complesso immobiliare nel corso degli anni e' stato oggetto di danneggiamenti e furti da parte di ignoti soprattutto ad infissi e impianti (idrico, elettrico e antincendio)".

Alla luce di cio', ci domandiamo come si giustifica il rilascio di tutte quelle concessioni in sanatoria, che presupponevano la realizzazione di un abuso edilizio, cioe' che in quei locali ci fossero ubicate prima del 31.03.2003 delle attivita' commerciali.

Non certo perche' in quei locali ci fossero eventuali impianti idrico, elettrico e antincendio (a proposito ha appurato se tutti i metri quadrati condonati ne erano dotati?) si potevano rilasciare concessioni edilizie in sanatoria per cambio di destinazione d'uso, infatti le ricordiamo che tali impianti sono obbligatori per ogni attivita' artigianale e che rientrano nella categoria degli artigiani anche i parrucchieri, i riparatori di materiale elettronico e informatico, i fornai, i   pasticceri, le pizzerie, gli atelier, le sartorie, gli studi fotografici ecc, ecc. Non necessariamente   l'artigiano deve esercitare la sua attivita' in ambienti fuligginosi e polverosi..

- E' sicuro di aver effettuato le dovute verifiche e richiesto le necessarie documentazioni per appurare se quel complesso immobiliare, prima del 31.03.2003 fosse mai stato adibito per tutta la superficie condonata ad attivita' commerciali?

A noi viene il dubbio che se quanto evidenziato corrispondesse al vero, quelle concessioni in sanatoria non andavano rilasciate non solo perche' in quei locali condonati, mai vi era stata esercita alcuna attivita' commerciale, ne' eseguite ed ultimate opere "tali da permettere l'uso in relazione alla funzione cui sono destinate e quindi contenere tutti gli elementi essenziali alla loro destinazione d'uso", PRIMA del 31.03.2003, ma anche ai sensi dell’art. 3 comma 1 lett. b) della L.R. n. 12/2004.

In base a quanto evidenziato e in base ad eventuali altre normative che potrebbero regolare la materia, la invitiamo a riesaminare la legittimita' e le procedure di rilascio delle concessioni in oggetto.

Si prega di rispondere per iscritto
Carlo Angeletti
Roberta Rossetti                     

                                                                             

Modificato da GAZZETTA NEWS - 30 Jun 2012 alle 7:56pm
IP IP tracciato
GAZZETTA NEWS
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Jul 2010
Status: Offline
Posts: 879
Quota GAZZETTA NEWS Rispondibullet Postato: 07 Jul 2012 alle 8:28am
Civita Castellana. La Destra canta vittoria: "Nel complesso ex Zanganella esistono i vincoli paesaggistici e non sono stati rispettati"

I sottoscritti Consiglieri Comunali di Civita Castellana, Carlo Angeletti e Roberta Rossetti fanno presente che:

- con nota prot. n. 11800 del 31 maggio 2012 abbiamo significato al'ing. TE' se riteneva ancora
legittime le concessioni edilizie in sanatoria in oggetto, alla luce dei vincoli paesaggistici esistenti
nella zona di Fontana Matuccia.

- con risposta avente prot. n. 12682 del 12.06.2012 l'ing. TE' testualmente dichiarava: "¦le stesse
sono conformi al dettato normativo che regola la materia".

Non del tutto convinti, abbiamo di nuovo significato all'ing. TE' con ulteriori specificazioni e con ulteriori altre motivazioni i nostri dubbi, attraverso una nota avente prot. n. 13942 del 28 giugno 2012, che si allega alla presente.

Premesso che i sottoscritti consiglieri comunali di Civita Castellana, negli atti che concernono il loro mandato hanno sempre messo e metteranno sempre al primo posto gli interessi dell'amministrazione e della comunita' di Civita Castellana, con la presente la invitiamo ad assumersi le responsabilita' derivanti dalla carica che ricopre, analizzando attentamente questa nota e i documenti richiamati e allegati, al fine di prendere, se necessario e in linea con le vigenti normative, eventuali provvedimenti di autotutela rispetto ai provvedimenti in oggetto, emessi dal responsabile dell'Area Tecnica IV.
Si prega di rispondere per iscritto
Civita Castellana 04.07.2012                                         I Consiglieri Comunali
Carlo Angeletti
Roberta Rossetti



Modificato da GAZZETTA NEWS - 07 Jul 2012 alle 8:29am
IP IP tracciato
borghezio2
Senior Member
Senior Member


Iscritto dal : 31 Mar 2012
Status: Offline
Posts: 212
Quota borghezio2 Rispondibullet Postato: 07 Jul 2012 alle 1:19pm
Con tutti i Virus presenti nel sito... sara' opportuno rivolgersi ad un esperto informatico... Qualcuno puo' suggerire qualche nome....
IP IP tracciato
<< Precedente Pagina  di 6 Successiva >>
Rispondi al Topic Posta un nuovo Topic
Versione stampabile Versione stampabile

Vai al Forum
Non puoi postare nuovi topic in questo forum
Non puoi rispondere ai topic in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi post in questo forum
Non puoi modificare i tuoi post in questo forum
Non puoi creare sondaggi in questo forum
Non puoi votare i sondaggi in questo forum

 

Servizio Meteo

Area Riservata
Entra come:
Login:
Password:
 

 Segnala una notizia allo StaffScrivi al Web Master     -    Inserisci la tua pubblicit     -     Aggiungi il sito a preferiti     -    Iscriviti alle news letter

In collaborazione con: toner-compatibile-samsung Web Master: intersail computer segnalato da Google
www.toner-rigenerato.com - www.veliashop.itwww.infissimetal.com -  www.ceramicheaffatato.com - www.accessoriperdisabili.com
www.bagnorisparmio.it - www.cucinasumisura.net - www.amministratorecondomini.net - www.ristorantemignolo.com - www.helloboy.it - www.studiolabella.it
www.tazzabar.it  -  www.locationmatrimoni-roma.it - www.cartolibreriaviterbo.it   -
www.profumidautore.com - www.veliamariani.com