FORUM

Le Chicche di Peppe
Amici a 4 Zampe
Civita castellana
La Storia
Cosa Visitare
Cucina Tipica
ALBUM FOTOGRAFICO
Civita Castellana
Le mura di Faleri
Carnevale
Infiorata
Eventi a Civita Castellana
Foto Palio '04
Foto Ivan Rossi
Foto Treja Cup '05

Siamo anche su

 
LE NOSTRE OFFERTE
Abiti da cerimonia
Cantina Tipica Canepina
CATERING ROMA
InterSail Computer
Location Matrimoni Roma
Piagge in fiore
Tappezzeria Lerin
Toner Rigenerati
ANALISI CLINICHE CIVITA CASTELLANA
Arredo Bagno
TAXI
  Topic AttiviTopic Attivi  Visualizza lista dei Membri del ForumLista Membri  CalendarioCalendario  Ricerca nel ForumCerca  AiutoAiuto
  RegistratiRegistrati  LoginLogin
Le chicche di Peppe
 POLITICA : Forums : Le chicche di Peppe
Icona di Messaggio Topic: Anche noantri ce l'abbiamo DURO Rispondi al Topic Posta un nuovo Topic
Autore Messaggio
wigi
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto dal : 08 Jun 2009
Status: Offline
Posts: 216
Quota wigi Rispondibullet Topic: Anche noantri ce l'abbiamo DURO
    Postato: 05 May 2010 alle 9:36am

Fonte:http://iltempo.ilsole24ore.com/politica/2010/04/30/1154201-secessione_lazio.shtml

La rivolta dei leghisti de noantri
Secessione del Lazio dalla Capitale

Frosinone, Viterbo, Rieti e Latina: non contiamo nulla, ce ne andiamo. Referendum per creare una nuova Regione: "Non siamo servi".

 
Ma quale Lega Nord, la secessione (da Roma) la faranno le altre province del Lazio. È già tutto pronto. Il 17 maggio all’Abbazia di Fossanova, nella provincia pontina, i Consigli comunali di Frosinone e Latina firmeranno una delibera congiunta per richiedere uno specifico referendum. L’obiettivo è creare una nuova Regione senza la Capitale che, da parte sua, dovrebbe ottenere dal Parlamento più poteri, fondi e autonomia. I leader locali non hanno dubbi: è la strada da seguire. Le nomine in Giunta della presidente del Lazio Polverini hanno acceso ancora di più gli animi degli amministratori locali.

«Chiediamo una Regione Lazio composta da Frosinone, Latina, Viterbo, Rieti e da una parte della provincia di Roma - spiega il presidente della Provincia di Frosinone Antonello Iannarilli (Pdl) - Con il federalismo fiscale potremmo spendere i nostri soldi come vogliamo. Non siamo secessionisti ma ci arriveremo». D'accordo il sindaco di Viterbo (anche lui Pdl) Giulio Marini: «Il Lazio, così com'è, non è più attuale. O ci stacchiamo da Roma o diventiamo una Regione a statuto speciale, nella quale i poteri della Capitale siano estesi a tutto il territorio». Secondo Marini, con i poteri che stanno per esserle conferiti «la Capitale potrà promuovere uno sviluppo con il turbo, mentre le province, come del resto sta già avvenendo, saranno sempre più relegate ai margini». L'unica alternativa potrebbe essere quella di trasformare il Lazio nella sesta Regione italiana a statuto speciale o autonoma. «Sardegna, Valle d'Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Sicilia - spiega Marini - hanno poteri speciali che non riguardano solo i rispettivi capoluoghi ma gli interi territori regionali. A maggior ragione dovrebbe essere così nel Lazio, dove il peso della Capitale d'Italia sarà sempre maggiore». Netto anche il sindaco di Rieti, Giuseppe Emili: «Ho cominciato a parlarne nel 1972, quando militavo nel Msi. Roma non può stare con le altre province perché finisce per essere soltanto una palla al piede. Una situazione insostenibile, soprattutto per Rieti».

Emili insiste: «La situazione attuale è un handicap perché Roma si prende sempre tutto». Un vero e proprio inno alla secessione, che loro chiamano semplicemente autonomia, reso ancora più stringente dalla Giunta formata dalla Polverini alla Regione che, secondo i dissidenti, ha piuttosto maltrattato i territori che invece hanno permesso alla ex segretaria dell'Ugl di diventare presidente del Lazio. Tra poche settimane le quattro Province metteranno in piedi anche un movimento d'opinione e un comitato tecnico. Frena il vicesindaco di Roma, Mauro Cutrufo: «Dal 1970 Roma avrebbe dovuto essere la ventunesima regione, l'errore nasce allora. Capisco il mal di pancia delle province, ma tutti in Italia dovrebbero rendersi conto che Roma ha uno Stato che non la sostiene come un unicum, quale è. Allora si faccia un percorso politico-amministrativo con Polverini perché è vero che è necessario cercare un equilibrio che non penalizzi le province, ma nemmeno Roma. Far diventare Roma Regione poi è una modifica costituzionale. Non se ne occuperebbe la Regione ma il Parlamento».

Ovviamente anche Cutrufo tira l'acqua al suo mulino. Sta preparando un libro dove ricorderà che Roma «è la più grande area che esiste in Europa, 12 volte più grande di Parigi, più di Berlino e Madrid messe insieme. Tutte le capitali hanno una legislazione speciale. Noi stiamo ancora aspettando i decreti attuativi per Roma Capitale. Tutte le capitali stanno sulle spalle del loro Stato, Roma dallo Stato non ha un chiaro sostegno se non saltuario». Insomma, anche per Cutrufo «è necessario riconoscere l'autonomia romana e pensare che il Lazio può essere una regione che vive di vita propria. Ma questo tra cinque anni perché la Regione è stata eletta in questo modo e adesso. Che si studi - propone - per riequilibrare i territori e dare loro più autonomia. Alle Province voglio dire - conclude Cutrufo - che il problema non è Roma ma lo Stato».

IP IP tracciato
wigi
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto dal : 08 Jun 2009
Status: Offline
Posts: 216
Quota wigi Rispondibullet Postato: 05 May 2010 alle 9:40am

 
Lazio: Iannarilli, ci sarà il referendum per la ‘Regione delle province'

 

 

 

 

 

«Negli ultimi 40 anni è cresciuta solo Roma a danno delle province di Frosinone, Latina, Viterbo e Rieti

 

 

 

dalla Redazione
sabato 1 maggio 2010

Il «referendum per la istituzione della Regione Lazio senza Roma, cioè la Regione delle province» ci sarà «perché questa è la Regione che i cittadini sentono e percepiscono come la loro regione».

Lo afferma in una nota il presidente della Provincia di Frosinone Antonello Iannarilli. Rispondendo al sindaco di Roma Gianni Alemanno, Iannarilli spiega: «Non mi sento di appartenere ad una 'area vasta della Capitale' ma alla provincia di Frosinone gli interessi della quale considero preminenti anche rispetto a tutte le alchimie della politica».

I dati confermano, aggiunge Iannarilli che «negli ultimi 40 anni è cresciuta solo Roma a danno delle province di Frosinone, Latina, Viterbo e Rieti. Ciò a causa dell'anomalia di una Regione con la 'testa enorme' (Roma) e con il corpo 'filiforme' (le altre province). Questa anomalia non si riscontra in nessun'altra Regione d'Italia e riguarda soltanto il Lazio».



Modificato da wigi - 05 May 2010 alle 9:41am
IP IP tracciato
Rispondi al Topic Posta un nuovo Topic
Versione stampabile Versione stampabile

Vai al Forum
Non puoi postare nuovi topic in questo forum
Non puoi rispondere ai topic in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi post in questo forum
Non puoi modificare i tuoi post in questo forum
Non puoi creare sondaggi in questo forum
Non puoi votare i sondaggi in questo forum

 

Servizio Meteo

Area Riservata
Entra come:
Login:
Password:
 

 Segnala una notizia allo StaffScrivi al Web Master     -    Inserisci la tua pubblicit     -     Aggiungi il sito a preferiti     -    Iscriviti alle news letter

In collaborazione con: toner-compatibile-samsung Web Master: intersail computer segnalato da Google
www.toner-rigenerato.com - www.veliashop.itwww.infissimetal.com -  www.ceramicheaffatato.com - www.accessoriperdisabili.com
www.bagnorisparmio.it - www.cucinasumisura.net - www.amministratorecondomini.net - www.ristorantemignolo.com - www.helloboy.it - www.studiolabella.it
www.tazzabar.it  -  www.locationmatrimoni-roma.it - www.cartolibreriaviterbo.it   -
www.profumidautore.com - www.veliamariani.com